Loading pp black
Italia
Editoria, Cultura, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Pensiamo Magnifico P.M.

Il nuovo quotidiano antico

800€
Chiuso il 11 ott 2021
32%
2.500€
Concluso

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Pensiamo Magnifico P.M.

Il nuovo quotidiano antico

800€
Chiuso il 11 ott 2021
32%
2.500€
Concluso

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Pensiamo Magnifico (..vivremo di più!)

Viviamo l'epoca del travolgimento digitale, tutto é on line, sul web, sui social. Questi peró, come noto ormai, adottano sistemi di selezione delle informazioni del tutto irrispettosi del pluralismo. La Costituzione italiana, invece, si basa proprio sulla dialettica tra i poli, tra le diversitá e consente spazi a ogni minoranza. Predilige lo sviluppo di coscienze sociali e civiche indipendenti e, non meno, vieta la censura. A fronte di ciò cui stiamo assistendo, vorremmo recuperare dal cassetto un progetto ambizioso, che vuole restituire ai cittadini e ai giovani, soprattutto, uno strumento educativo, di approfondimento e di riflessione TOTALMENTE ED ESCLUSIVAMENTE CARTACEO, distribuito nelle edicole. 

I Principii da cui muove il progetto: Si ha in animo di riavvicinare i giovani alla lettura e alle tematiche d'approfondimento più rilevanti in chiave socio culturale, civica e politica. Crediamo fermamente che riportare un vivo interesse verso la politica della gente, che si pratica nei territori e non nei palazzi, sia un dovere civico, oltre che un sano obiettivo. Per avere cittadini consapevoli, giovani attenti a quel che accade dattorno, siamo convinti che occorra recuperare il valore formativo della lettura: essa stimola il pensiero, il dialogo e offre occasioni costruttive di confronto e di miglioramento. La contingenza storica che ci affligge ha offerto un'occasione irrinunciabile per ripartire dalle fondamenta della società civile. Per questo, abbiamo pensato a un giornale, innovativo ma dagli antichi valori, quelli sani di una volta. Una progetto, quindi, che diffida dalle prospettive della a-cultura digitale, pronta all'uso ma superficiale, gratuita ma trascurata, censurata e indottrinante. Noi speriamo davvero che vorrete sostenerci, perché il nostro obiettivo é quello di mettersi al servizio delle persone e dei cittadini. Coltiviamo, in coscienza, una ferma fiducia nella piú elevata dignitá civile di questo Paese e pensiamo che le idee debbano rivolgersi verso l'alto per un miglioramento, non essere pragmatiche! 

Non ai realisti, né ai reazionari, ci rivolgiamo, ma a quelli che credono di essere sulla via della riuscita se li penseranno matti

CHI SIAMO

Il progetto è un'idea di Alessandra Camaiani, un giovane avvocato fiorentino, impegnato a livello civico con Generazioni Future, giá Comitato Rodotá.

Insieme a lei, ci sono i suoi amici di una vita: filosofi, giornalisti, avvocati altrettanto, storici dell'arte, editori.

Tutti e solo ragazzi! 

Il marchio è stato realizzato dalla Ross & Thomas di Firenze.

I FONDI

Essendo un gruppetto di giovani squattrinati, abbiamo in proprietá il solo marchio (il Don Chisciotte a cavallo dell'Unicorno) e il nome. 

Servono fondi per registrare il quotidiano presso il Tribunale (di Firenze per ragioni di prossimitá), imbastire un numero pilota e organizzare la distribuzione nelle edicole.

 Servono fondi per compensare, almeno finché il giornale non saprá andare da sé, il lavoro svolto; lavoro che va SEMPRE retribuito. 

Serviranno atti, contratti e tutto quanto spetta per avviare un nuovo quotidiano, una campagna pubblicitaria, una linea editoriale.. insomma, il progetto va fatto interamente e il Vostro prezioso contributo potrá significare mettere un tassello nella speranza di recuperare un mondo a misura d'uomo, vicino alle persone. 

1628592216777329 1517277090818

Un progetto a cura di

Alessandra Camaiani

Mi chiamo Alessandra, ho poco più di trent'anni e una gran voglia di vivere un mondo migliore! Sono nata in un piccolo paese di provincia, Ponticino. Quando ero bambina, si andava tra i boschi, alla messa, ma si correva all'Arci, coi nonni, le carte e il sindacato. Si respirava aria genuina. La vita era condivisa, ci si dava una mano. Solidarietá, equitá e partecipazione; luoghi e territori. Tutti principi costituzionali da cui occorre reinventarci come cittadini e come persone.

Italia
Potrebbe interessarti anche