Loading pp black
Italia
Salute, Solidarietà
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

PER GIULIO E DAVIDE VERVIN IN NOME DI PAPA' MICHELE

Michele, 39 anni, lascia sua moglie e i suoi gemellini diversamente abili di 8 anni. Aiutiamo Monia, Giulio e Davide a ricominciare.

19.750€
Chiuso il 02 ott 2021
100%
19.750€
Finanziato

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

PER GIULIO E DAVIDE VERVIN IN NOME DI PAPA' MICHELE

Michele, 39 anni, lascia sua moglie e i suoi gemellini diversamente abili di 8 anni. Aiutiamo Monia, Giulio e Davide a ricominciare.

19.750€
Chiuso il 02 ott 2021
100%
19.750€
Finanziato

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Di cosa si tratta

Termoli, Campobasso. 

MICHELE: una storia inaccettabile, impronunciabile, incomprensibile che ha scosso un’intera comunità.
Nessuno può accettare che, dopo tanta tribolazione, possa arrivare altro dolore.  

Una paternità difficile e impegnativa è stata quella di Michele che il 19 giugno 2021 ha lasciato soli i suoi due bimbi “speciali” di 8 anni e la sua giovane moglie Monia, originaria di Castelnuovo al Vomano, paese in provincia di Teramo. 

Una famiglia fantastica, unita, ma messa a dura prova già dalla nascita di Giulio e Davide che, da subito, hanno avuto bisogno di cure speciali e di attenzioni  costanti. 

Stretto alla sua Monia, Michele ha affrontato momenti critici quando i gemellini, nati prematuri, hanno trascorso i primi mesi in terapia intensiva in una battaglia quotidiana per la vita e ha affrontato con inesauribile coraggio le difficoltà di un papà di 2 bambini diversamente abili tra corsie di ospedali pediatrici, operazioni chirurgiche, esami diagnostici, visite di controllo e interminabili cicli di terapia riabilitativa. 

Adesso che Michele non c’è più, non farà certo mancare il suo Amore alla sua famiglia , ma noi, la sua Famiglia, i suoi Amici,  la sua Comunità non faremo mancare a Giulio, Davide e Monia  il sostegno di cui ora hanno più bisogno. 

In primis per comprare un’auto adatta alle esigenze di un bimbo in sedia a rotelle, e in secundis per aiutare Monia a sostenere lo straordinario carico economico che una situazione di disabilità impone. 

Come verranno utilizzati i fondi

I fondi saranno utilizzati principalmente per l'acquisto di un mezzo di trasporto, presumibilmente un monovolume, da personalizzare con l'installazione di una rampa elettrica laterale.
Le somme eventualmente residue saranno destinate alla copertura delle spese di assistenza domiciliare specializzata di cui mamma Monia ha quotidianamente bisogno per gestire le sue assenze e i suoi riposi.

Chi c'è dietro al progetto

Marina Raggiunti,  amica e mamma di  Lorenzo, un bimbo tetraplegico di 8 anni;  Tina De Michele, Presidente Consulta Disabilità del Comune di Termoli, le amiche Federica Forti e Cristina Bagnoli che, insieme alla comunità di Termoli (CB) e di Castelnuovo al Vomano (TE), si stringono attorno alla famiglia di MICHELE VERVIN per aiutare sua moglie in una gestione già di per sé molto impegnativa. 

Un'iniziativa partita dal cuore di mamme che come Monia vivono ogni giorno, ogni ora, ogni istante la fatica e lo sconforto di una vita di un figlio disabile non autosufficiente. 

1626724216225934 img 20210719 214911

Un progetto a cura di

MARINA RAGGIUNTI

Sono Marina Raggiunti, amica della famiglia Vervin dal 2012.

Con Monia e Michele ci siamo conosciuti in ospedale a Cheti il 6 novembre 2012 quando Monia, in attesa di Giulio e Davide, fu ricoverata per rischio parto prematuro. 

Anch'io fui ricoverata la stessa sera, nello stesso ospedale, per lo stesso motivo. 

Come Monia, anch'io ho partorito prematuramente nel dicembre 2012.

Anch'io, come Monia, sono caregiver di un bimbo diversamente abile.

 


Seguici su

Italia