Loading pp black
Vercelli
Formazione, Editoria, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Legati alla storia: adotta un manoscritto

Legati alla storia: al passato che ci ha regalato manoscritti dal valore inestimabile; al futuro, per trasmetterli alle nuove generazioni

10.270€
Chiuso il 16 ott 2021
Finanziato
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Legati alla storia: adotta un manoscritto

Legati alla storia: al passato che ci ha regalato manoscritti dal valore inestimabile; al futuro, per trasmetterli alle nuove generazioni

10.270€
Chiuso il 16 ott 2021
Finanziato
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Di cosa si tratta

La Biblioteca Capitolare di Vercelli custodisce un patrimonio inestimabile, composto da 260 manoscritti medievali.
Alcuni di questi necessitano di interventi di restauro, poiché oggetti antichi dal notevole interesse storico e artistico.
Legati alla storia: adotta un manoscritto è il progetto di crowdfunding per recuperare alcuni di questi preziosi ed importanti testimoni del nostro passato, con lo scopo di promuoverne lo studio e la conoscenza, anche a beneficio delle future generazioni.

Protagonisti della campagna saranno tre manoscritti della collezione.

  • il codice XLIII, un Breviario realizzato a Vercelli, in cui, come molto raramente accade, vengono riportati anno di conclusione del manoscritto e nome del copista. Un'opera particolare, datata al 1389 e realizzata da Antonio de Rasino, rettore della chiesa di S. Pietro della Ferla di Vercelli, non più esistente, ma fulcro di importanti vicende cittadine e che ancora oggi può leggersi nel tessuto urbano cittadino per la sua riconversione ad abitazione privata;
  • il  codice LXVIII, un Sacramentario del XIII secolo prodotto a Vercelli, dove le pagine di sottile e pregiata pergamena sono impreziosite da capilettera e delicate miniature in foglia d’oro;
  • il codice CXLIX, composto da testi diversi, è datato al IX secolo e proviene dall'area germanica meridionale: un testimone curioso di come nel medioevo i manoscritti circolassero, unendo luoghi e personaggi di tutta Europa.

Ma non sono soli! Il progetto nasce da lontano.
Dal 2012 al 2017 è stato intrapreso il progetto Adotta una pergamena. Grazie a moltissime persone, sia italiane sia straniere, è stato recuperato il fondo delle pergamene diagrammatiche medievali del XIII secolo, offrendo l'opportunità di studiare e diffondere questo materiale, importante testimone della cultura del tempo, sino a realizzare un Incontro Internazionale di studi in collaborazione con l'Università Cattolica di Milano e la Società Storica Vercellese.

Grazie a questa esperienza nel 2017 è nato il progetto Adotta un manoscritto. Ad oggi sono molti i privati e le aziende che hanno investito nel progetto, credendo nel suo valore e nella sua importanza. Grazie a loro è stato possibile intraprendere i primi restauri di alcuni manoscritti, ma altri necessitano di intervento nei prossimi anni.

Come verranno utilizzati i fondi

Grazie ai contributi raccolti sarà possibile restituire ai manoscritti medievali le condizioni migliori per la loro consultazione e conservazione. I restauri saranno finalizzati al recupero delle legature che custodiscono questi preziosi testimoni di storie diverse, in alcuni casi in condizioni che ne pregiudicano lo studio e la valorizzazione.

I manoscritti potranno così essere nuovamente al centro dell'attenzione, ricordare un passato comune, raccontare meraviglie e tramutarsi quale ponte tra passato, presente e futuro, tra chi lo ha realizzato ed utilizzato, chi gli ha restituito la vita e chi potrà beneficiare di tutto questo nel tempo.

Legati alla storia: adotta un manoscritto è molto di più.

Il recupero dei manoscritti, come avvenuto per l'analogo progetto Adotta una pergamena, sarà solo il punto di partenza.
La campagna vuole rendere direttamente partecipe il pubblico nella vita della Biblioteca Capitolare, coinvolgere le persone attraverso uno storytelling di tutte le fasi di restauro, ma ancor più di ciò che, in seguito, vedrà i manoscritti protagonisti. Ricerche scientifiche, laboratori per le scuole, visite guidate e altre iniziative che contribuiranno a diffondere la conoscenza dei codici medievali, ma saranno anche il veicolo di promozione del crowdfunding, fornendo esempi virtuosi di cittadinanza attiva che, grazie ai contatti internazionali della Biblioteca, riusciranno ad oltrepassare i confini nazionali.

Un piccolo gesto, ricordato nel tempo grazie alla Tabula Gratulatoria che accompagnerà i manoscritti, che potrà realizzare nel tempo grandi cose!

Chi c'è dietro al progetto

La Fondazione Museo del Tesoro del Duomo e Archivio Capitolare di Vercelli custodisce tesori inestimabili che attraversano oltre 1700 anni di storia.
A dialogare tra loro, offrendo una ricchezza di storie, personaggi, vicende e curiosità, Museo del Tesoro del Duomo, Archivio e Biblioteca Capitolare.

Centro di eccellenza per le collezioni, la Biblioteca Capitolare è tra le più ricche ed importanti della sua tipologia nel nord Italia con 260 testimoni della produzioni italiana e straniera che va dal IV al XV secolo.
Il manoscritto più conosciuto è certamente il Vercelli Book, datato alla fine del X secolo, custodisce omelie e poemi in antico anglosassone ed è l'unico dei quattro testimoni di questa lingua conservato fuori dall'Inghilterra. Di altrettanta fama il Codex Vercellensis Evangeliorum, noto come Codice A, una delle più antiche traduzioni in lingua latina dei Vangeli, datata alla metà del IV secolo e attribuita a S. Eusebio.
Sono qui conservate anche le Leges Langobardorum, contenenti l'Editto di Rotari e realizzate in Italia Settentrionale nella prima metà dell'VIII secolo, e vari codici contenenti le Etymologiae di Isidoro di Siviglia, di cui quelle contenute nel manoscritto CCII, del IX secolo, impreziosite da ricche miniature con foglia oro.

I codici medievali conservati sono il fulcro di progetti internazionali di studio e ricerca, che confluiscono in iniziative di valorizzazione, eventi per il pubblico, visite didattiche per scuole e adulti. Tutte attività che mettono in connessione il patrimonio millenario con le persone, accorciando le distanze del tempo tra il passato e il presente, ma soprattutto facendo vivere ai manoscritti la loro vita. Ancora oggi, con cautela e attenzione, ne vengono sfogliate le pagine, vengono letti i loro testi e ne sono ammirate le decorazioni, affascinando generazioni.

1615656103232109 logotesoroduomoposit

Un progetto a cura di

Fondazione Museo del Tesoro del Duomo e Archivio Capitolare

La Fondazione gestisce e valorizza il patrimonio di Biblioteca e Archivio Capitolare e Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli. Le collezioni, insieme, raccontano la plurimillenaria storia dell'Arcidiocesi. 

Conservare per proteggere, valorizzare per divulgare.
Viviamo la storia a 360° insieme a ricercatori, studenti e grande pubblico. Siamo convinti che dalla condivisione nascono esperienze uniche e ricche di emozioni.

Vercelli
Potrebbe interessarti anche