Loading pp black
Torino
Viaggi, Formazione, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Il Cantiere delle Autonomie - A tutta Cultura!

Cultura e socializzazione: competenze per l'autonomia

3.610€
Chiuso il 16 ott 2021
Concluso
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Il Cantiere delle Autonomie - A tutta Cultura!

Cultura e socializzazione: competenze per l'autonomia

3.610€
Chiuso il 16 ott 2021
Concluso
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

A tutta Cultura!

I giovani ragazzi che vivono nell'appartamento Si Può Fare sono pieni di proposte e idee per ampliare le attività di socializzazione. Per i giovani è essenziale trovare dei momenti di condivisione, che li portino a scoprire il quartiere e farsi scoprire.  A ogni livello risulta essere importante la conoscenza del territorio e il lavoro di rete, portando a conoscenza del progetto negozianti, strutture per il tempo libero, vicini di casa e il maggior numero possibile di cittadini.

La posizione dell’appartamento, in pieno centro storico, permette di lavorare sull’inclusione sociale e sull’immagine che si ha della persona con disabilità: giovani che in modo naturale si divertono, utilizzano servizi come tutti, senza un accompagnamento da parte di educatori o volontari.

Giorno per giorno i beneficiari del progetto lavoreranno alla costruzione di una mappa culturale del territorio; l’effetto che si vuole ottenere è quello di fornire uno strumento per gestire la complessità territoriale e sociale sempre maggiore, quindi di partecipare attivamente e sviluppare un senso si riappropriazione dello spazio vissuto. Nello specifico, si partirà da un lavoro di allenamento dell’orientamento spaziale e di osservazione, seguirà una fase di raccolta informazioni e conoscenza diretta dei servizi e delle persone che lo gestiscono, e infine verranno organizzati delle attività socializzanti e culturali aperti alla comunità. I ragazzi organizzeranno i giorni dedicati al cinema, quelli nei musei e a teatro, coinvolgendo la loro rete amicale, famiglia e amici, ma anche i cittadini che hanno deciso di partecipare a questa raccolta fondi.

La finalità di questa campagna di informazione e sensibilizzazione è duplice: sensibilizzare e accogliere la realtà cittadina al fine di promuovere una maggiore partecipazione ai progetti e agli interventi sociali, e allo stesso tempo sensibilizzare le persone con disabilità promuovendo una maggiore conoscenza della realtà in cui vivono, una maggiore consapevolezza dei propri diritti e doveri, e la creazione di un processo di inclusione a doppia direzione.

Il percorso si presenta complesso e di grande valore per la persona con disabilità, impegnata quotidianamente nella lotta per il diritto alla vita indipendente: nulla può essere improvvisato: è necessario offrire un servizio di alta qualità, che accompagni, nel modo più efficace possibile, persona e famiglia lungo il percorso.


Come verranno utilizzati i fondi

La raccolta qui creata servirà a supportare economicamente l'accompagnamento professionale con l'obiettivo consolidato di miglioramento della qualità del tempo libero, arricchimento culturale e autodeterminazione dei beneficiari. 

Inoltre saremo in grado di supportare l'acquisto dei biglietti necessari allo svolgimento delle attività, come per musei, concerti, spettacoli teatrali, proiezioni al cinema.

Per fare ripartire tutto il comparto culturale, di così fondamentale stimolo per i giovani, dobbiamo contare sul vostro aiuto.

Il Cantiere delle Autonomie

Obiettivo generale è quello di favorire il miglioramento della qualità di vita indipendente della persona con disabilità intellettiva attraverso la costruzione del senso di autodeterminazione ed empowerment individuale. Il concetto di vita indipendente racchiude in sé diversi aspetti: la costruzione della persona, la fuoriuscita dal nucleo abitativo, la ricerca del lavoro, la sostenibilità economica. La sperimentazione lavorativa si inserisce nel percorso di allenamento alla vita autonoma: si costruiscono esperienze di lavoro guidato che prevedano la formazione dei beneficiari, una concreta esperienza lavorativa in sedi individuate e idonee ai singoli profili, azioni di sensibilizzazione dei luoghi di lavoro.

I destinatari diretti delle attività proposte dal progetto sono 25 giovani con disabilità intellettiva dai 18 ai 35 anni di età, di genere femminile e maschile. Per 8 giovani tra i destinatari totali si prevede un intervento di sperimentazione mirata sulla sfera lavorativa e di ricerca di una sistemazione abitativa a lungo termine.

I destinatari indiretti si ritrovano nella famiglia e nella società più in generale che usufruirà in maniera secondaria degli apporti di un lavoro di sviluppo dell'indipendenza di persone con disabilità intellettive che saranno in grado di costruirsi una propria dimensione in autonomia.

Individuare ogni possibile spazio di sviluppo delle capacità di scelta e di autodeterminazione è essenziale nell’ottica della qualità della vita di una persona. 

Il progetto “il Cantiere delle Autonomie” ha lo scopo di permettere a giovani persone con disabilità intellettiva di sperimentarsi nella vita quotidiana e nel vero significato di vita adulta e indipendente.

Il percorso si sviluppa su quattro livelli con attività e obiettivi differenziati attraverso un lavoro in prospettiva dell'autodeterminazione e guidato da un progetto di vita individuale costruito insieme alla famiglia e al giovane adulto.

Il cammino è strutturato in piccoli gruppi per favorire l'aggregazione, la partecipazione attiva e facilitare il percorso di ognuno.

APS Si Può Fare ONLUS

L’Associazione promuovere l’integrazione e il benessere delle persone con vulnerabilità, favorendo lo sviluppo dell’autonomia personale, lavorativa e abitativa; porta avanti dal 2012 percorsi di sperimentazione di allenamento alla vita

indipendente in appartamenti che affitta nella zona centrale della Città di Torino: il numero di persone con disabilità coinvolte è cresciuto da 10 a 30.

In parallelo, nel 2015 è stato realizzato un progetto di formazione al lavoro (GPL ­ Giovani che Pensano al Lavoro) a cui hanno preso parto 4 giovani ragazzi.

Nell’arco di un anno, i beneficiari hanno avuto modo di acquisire conoscenze, competenze e strumenti teorici sul mondo del lavoro e, in un secondo momento, di svolgere 200 ore di borse lavoro retribuite in quattro realtà individuate dall’Associazione.

I soggetti beneficiari hanno utilizzato e messo in campo le competenze apprese in altre realtà lavorative.

Ogni anno insieme alle sperimentazioni di convivenza guidata, con ogni beneficiario dei progetti dell’associazione, viene portato avanti il percorso di preparazione al mondo del lavoro che prevede una parte di formazione e una parte di applicazione a diverse dimensioni lavorative.

1630596750683740 logo magenta spf

Un progetto a cura di

APS Si Può Fare ONLUS

Lo scopo è promuovere l’inclusione e l’integrazione delle persone con vulnerabilità favorendo lo sviluppo di un'autonomia personale, lavorativa e abitativa; la mission mira a costruire un progetto di vita indipendente individuale e personalizzato per dare un supporto concreto all’autonomia.

Individuare ogni possibile spazio di sviluppo delle capacità di scelta e di autodeterminazione è essenziale nell’ottica della qualità della vita di una persona. 

Torino
Potrebbe interessarti anche